1. MAGREDI DEL CELLINA
  2. GRETO DEL TAGLIAMENTO
  3. VALLE DEL MEDIO TAGLIAMENTO
  4. CONFLUENZA TORRE MATISONE

IL SIC CONFLUENZA TORRE-NATISONE


SUPERFICIE 

604 ha

 

CARATTERISTICHE DELL'AREA

Il sito corrisponde alla zona in cui i fiumi Torre e Natisone, immissari dell'Isonzo, si incontrano, formando un'ampia area di pertinenza fluviale, soggetta alla libera evoluzioneidraulica.
Il SIC svolge un importante ruolo ecologico per la sua particolare localizzazione in regione. Infatti il sistema fluviale, nel suo sviluppo longitudinale da nord a sud, mette in comunicazione le Prealpi Giulie alla costa Adriatica. Inoltre, tra i SIC regionali con queste caratteristiche, è quello che si trova a quota inferiore. È anche quello posto più a sud e vicino al mare; per questo la sua vegetazione assume connotazioni ancor più spiccatamente aride e termofile dei restanti magredi. Infine è il sito posto più a Est per cui la vegetazione risente, più degli altri, della vicinanza dell'altopiano triestino presentando aspetti comuni con quelli della landa carsica.
Mentre il Torre presenta un alveo ampio e con il caratteristico andamento naturale a rami intrecciati già a partire da alcuni chilometri a monte della confluenza, il Natisone scorre maggiormente incassato superando i colli miocenici di Manzano. Esso quindi assume il tipico aspetto a bracci intrecciati solo in prossimità del SIC.
I due fiumi complessivamente presentano greti molto estesi con ampie distese ghiaiose anche se di dimensioni nettamente inferiori a quelle dei sistemi Cellina-Meduna e Tagliamento.


HABITAT DI INTERESSE COMUNITARIO

Di seguito si riportano i principali habitat d'interesse del sito e la percentuale della superficie occupata:

  • 3220 Fiumi alpini con vegetazione riparia erbacea: 15%
  • 3240 Fiumi alpini con vegetazione riparia legnosa a Salix elaeagnos: 10%
  • 62A0 Formazioni erbose secche della regione submediterranea orientale (Scorzoneretalia villosae): 8%
  • 92A0 Foreste a galleria di Salix alba e Populus alba: 8%
invia una email al Servizio tutela del paesaggio e biodiversità