LIFE NATURA2000

STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO

ATTIVITÀ INFORMATIVA E DI SENSIBILIZZAZIONE

Uno degli obiettivi che il Progetto, fin dall'inizio si è posto, è stato quello di cambiare la percezione negativa dei magredi che, a causa della storica e memorabile difficoltà al dissodamento e alla coltivazione, sono stati sempre percepiti come una polverosa distesa sassosa, povera di vita dove scaricare rifiuti abusivi o correre coi fuoristrada. Grazie alle molte iniziative divulgative intraprese, tanti cittadini sono oggi molto più consapevoli e hanno compreso che i magredi sono in realtà un territorio straordinario, unico, originale, ricco di valori naturalistici e biodiversità.

 

 

Iniziativa organizzata dal FAI giovani di Pordenone con il supporto della Regione presso l'area dei ripristini del Dandolo di Maniago (foto di Giada Centazzo)

Iniziativa organizzata dal FAI giovani di Pordenone con il supporto della Regione presso l'area dei ripristini del Dandolo di Maniago (foto di Giada Centazzo)

INIZIATIVE DIVULGATIVE

Fra le prime azioni divulgative sviluppate, vi è stata la creazione del presente sito web che attualmente funziona da interfaccia fra Regione e i cittadini. Il sito, che ad oggi ha superato la soglia dei 275.000 accessi, è tradotto in inglese ed in grado di spiegare i principali obiettivi del Progetto, presentando fra l'altro l'individuazione geografica e cartografica dei Siti oggetto degli interventi.

 

 

ATTIVITÀ CON LE SCUOLE

Due importantissime iniziative divulgative rivolte alle scuole sono state il progetto di educazione ambientale e il concorso di idee per promuovere e far conoscere il territorio dei magredi.
Questo ha consentito di coinvolgere oltre 56 classi, più di 120 insegnanti e 1130 allievi in percorsi formativi e didattici svolti nel 2013/2014. Anche attraverso la distribuzione della pubblicazione "Quest'anno a Scuola Promuoviamo i magredi!" e il supporto di guide naturalistiche, messi a disposizione grazie ai fondi del Life, bambini e ragazzi hanno potuto scoprire e approfondire l'ambiente e l'ecologia dei magredi.
Il concorso conclusosi nel 2015, ha previsto la realizzazione di un logo e di uno slogan utili a promuovere il territorio dei magredi. Grazie a queste iniziative, oltre alle scuole, sono state coinvolte indirettamente anche le famiglie consentendo di sensibilizzare capillarmente ampi strati della popolazione locale.

 

 

depliant informativo sul progetto di educazione ambientale

depliant informativo sul progetto di educazione ambientale

La pubblicazione "Quest'anno a Scuola Promuoviamo i magredi!" pensata, a supporto all'attività del progetto didattico sopra menzionato, è stata realizzata in un numero di 3.000 copie. Il libro è suddiviso in tre sezioni principali: geologia, flora e fauna dei magredi ed è a sua volta organizzato in schede didattiche che consentono di approfondire vari argomenti con laboratori e attività pratiche e di osservazione, in aula e all'aperto (ascolto di versi di animali e uccelli, disegni, costruzione di plastici etc.). A conclusione del progetto la pubblicazione è ora distribuita gratuitamente a tutti gli insegnati delle scuole elementari, medie e superiori che ne facciano richiesta.

 

 

La pubblicazione dedicata alle scuole e creata come ausilio allo svolgimento delle attività educative rivolte alle scuole

La pubblicazione dedicata alle scuole e creata come ausilio allo svolgimento delle attività educative rivolte alle scuole

TABELLE, DOCUMENTARI ED ALTRE PUBBLICAZIONI

Fra le altre iniziative divulgative, la collazione di alcune tabelle che descrivono il progetto e i principali divieti e regolamenti vigenti all'interno dei siti Natura 2000 oggetto dei ripristini.
La Regione ha inoltre provveduto alla realizzazione di due documentari dedicati ai magredi. Il primo spiega l'importanza dei prati aridi e quanto si sta facendo nell'ambito del Progetto Life. L'altra, realizzata in collaborazione con le scuole elementari di Cavasso nuovo, mostra le esperienze dei bambini nel corso delle loro ricerche sui magredi. Il documentario costituisce la trasposizione in video della pubblicazione "I magredi, ieri oggi e domani", volume che raccoglie le interviste ad anziani, nonni e altri personaggi del luogo documentandone gli usi e le tradizioni. Nell'insieme esso costituisce uno straordinario compendio di racconti raccolti direttamente dalla bocca di agricoltori, naturalisti ed appassionati che hanno vissuto i magredi, ciascuno in modo diverso, ma sempre intenso e a tratti commovente.
Il Servizio paesaggio e biodiversità, titolare del Progetto ha inoltre provveduto alla ristampa del volume "Magredi di Pordenone, le ultime praterie", aggiungendo uno specifico capitolo dedicato al Progetto Life. Con il medesimo scopo è stato anche creato un segnalibro in cartoncino rigido da inserire nella pubblicazione "I magredi, ieri oggi e domani".


Tabelle da collocare presso i siti Natura 2000 oggetto degli interventi

Tabelle da collocare presso i siti Natura 2000 oggetto degli interventi

SERATE, PROIEZIONI, VISITE GUIDATE E ATTIVITÀ DI NETWORKING

Le iniziative informative e di sensibilizzazione si completano con i moltissimi incontri, visite guidate ai magredi, proiezione dei documentari, mostre fotografiche ecc. per favorire il coinvolgimento della popolazione e dei cittadini in genere.
Di seguito si evidenzia uno specchietto che riassume tali iniziative comprendenti anche una serie di passaggi televisivi, sulle emittenti locali e nazionali, per far conoscere l'importanza di magredi e quanto la Regione sta realizzando per conservarli e valorizzarli.


Iniziative didattiche e informative dedicate ai magredi e al Progetto Life. Dall'alto trekking nei magredi e attività con i bimbi delle scuole (foto di Raffaela Corrado)

Iniziative didattiche e informative dedicate ai magredi e al Progetto Life. Dall'alto trekking nei magredi e attività con i bimbi delle scuole (foto di Raffaela Corrado)

La Regione ha infine provveduto a realizzare un workshop per spiegare l'importanza dei prati stabili, della loro tutela e informare proprietari e agricoltori sulle modalità per accedere agli Incentivi ed Indennità del Piano di sviluppo rurale a sostegno della loro gestione e conservazione (info: www.regione.fvg.it)


Da sinistra: 1.presentazione degli itinerari e del calendario organizzata con Keep-point per promuovere agriturismo ed escursionismo nei magredi; 2.appassionata naturalista in azione in occasione di una visita ai magredi, 3. premiazione del miglior fieno di prato stabile presso l'ITAS di Spilimbergo, 4. l'Assessore Santoro alla presentazione del Documentario dedicato al Progetto Life. (foto di: Giada Centazzo e Stefano Fabian)

Da sinistra: 1.presentazione degli itinerari e del calendario organizzata con Keep-point per promuovere agriturismo ed escursionismo nei magredi; 2.appassionata naturalista in azione in occasione di una visita ai magredi, 3. premiazione del miglior fieno di prato stabile presso l'ITAS di Spilimbergo, 4. l'Assessore Santoro alla presentazione del Documentario dedicato al Progetto Life. (foto di: Giada Centazzo e Stefano Fabian)

Anche durante il 2017 e il 2018 sono proseguite le attività volte a diffondere obbiettivi e azioni del progetto LIFE presso diversi tipi di pubblico. Vi sono stati corsi rivolti ai tecnici regionali relativi al progetto LIFE e al controllo dell'Amorpha, un seminario presso l'Università Ca' Foscari di Venezia ed interventi per gli studenti delle scuole superiori. Numerose sono stati le azioni svolte sul territorio sia per arricchire di contenuti naturalistici alcune manifestazioni sia per illustrare il valore dei magredi a gruppi di visitatori. Anche la presenza sulla stampa è stata garantita da articoli sui quotidiani locali e su Altraeconomia.

Il Servizio paesaggio e biodiversità, attraverso un'intensa attività di networking, ha costruito importanti relazioni esterne partecipando a incontri e scambi di informazioni con altre Regioni, Enti pubblici e privati che stanno sviluppando analoghi progetti di conservazione dei prati aridi trovando importanti (e fino a poco tempo fa insperate) collaborazioni e sviluppando preziose sinergie con Comuni e proprietari per la futura gestione di alcune aree magredili. Tali contatti divengono fondamentali per la gestione post Life.


Intervento presso l'Istituto agrario di Spilimbergo in collaborazione con il quale è stata avviato un intervento di ripristino sperimentale di prateria arida su un terreno di pertinenza della scuola.

Intervento presso l'Istituto agrario di Spilimbergo in collaborazione con il quale è stata avviato un intervento di ripristino sperimentale di prateria arida su un terreno di pertinenza della scuola.

I numeri degli interventi divulgativi (aggiornati al maggio 2016)

I numeri degli interventi divulgativi (aggiornati al maggio 2016)

STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO
I numerosi partecipanti alla serata organizzata in collaborazione con l'Università della terza età di Cordenons. In occasione dei vari eventi è stato distribuito del materiale divulgativo dedicato ai magredi e al Progetto Life.

I numerosi partecipanti alla serata organizzata in collaborazione con l'Università della terza età di Cordenons. In occasione dei vari eventi è stato distribuito del materiale divulgativo dedicato ai magredi e al Progetto Life.

A progetto ancora da concludere il numero di cittadini direttamente coinvolti (a parte le scuole) è pari a 3942, cui si devono aggiungere altre 4150 persone coinvolte attraverso la distribuzione di materiali e i 2.000.000 cittadini informati mediante TV, sito web ecc.
Tutto ciò ha contribuito a cambiare positivamente ed in modo netto e quasi definitivo, la percezione stessa dei magredi, dei siti natura 2000 coinvolti e di quanto la Regione sta facendo per tutelare e valorizzare questo tipo di habitat.


Alberto Cozzi, monitor della Commissione Europea presso un'area ripristinata nel Dandolo di Maniago dove è immediatamente apprezzabile anche visivamente l'incredibile fioritura di orchidee selvatiche tipiche dei magredi

Alberto Cozzi, monitor della Commissione Europea presso un'area ripristinata nel Dandolo di Maniago dove è immediatamente apprezzabile anche visivamente l'incredibile fioritura di orchidee selvatiche tipiche dei magredi

  1. INDRODUZIONE
  2. raccolta del seme
  3. ripristino incolti
  4. decespugliamento e disboscamento
  5. divulgazione
invia una email al Servizio tutela del paesaggio e biodiversità